TALK SHOW

MASTERCLASS
2 aprile 2018
FOLK & WINE
2 aprile 2018




Domenica 15 Aprile, ore 21:00
Piazza dei Signori

 

IL VENETO SI RACCONTA talk show

con Massimo Bubola, Roberto Puliero, Damiano Tommasi, Davide Rampello, Roberto Giacobbo, Mauro Lorenzon, Luciano Ferraro e l’accompagnamento musicale della Contrada Lorì
Domenica sera, Il Veneto si Racconta, un grande talkshow all’italiana con eccellenze dello sport, del giornalismo, della televisione, del teatro, della musica e della cucina, tra cui il cantautore e autore di alcuni dei brani più belli e significativi della musica italiana, Massimo Bubola, parlerà di Veneto attraverso musica, letteratura, arte e poesia, l’attore Roberto Puliero, noto per il suo talento tutto dialettale e caricaturale, per parlar di Veneto attraverso il teatro, il calciatore Damiano Tommasi, noto per il suo fair play, Davide Rampello, noto regista ed autore televisivo, che dalla sua famosa rubrica per Striscia la Notizia "Paesi, paesaggi..." dedicata alle eccellenze paesaggistiche e alimentari dell'Italia parlerà di Veneto in chiave gourmet. E poi il giornalista, conduttore televisivo, autore televisivo e scrittore italiano, Roberto Giacobbo, volto noto e voce coinvolgente di Voyager, per raccontare la storia appassionante del territorio Veneto, Mauro Lorenzon, direttamente da La Mascareta di Venezia, l’eclettico e pioniere in Italia della enoiteca, l’ osteria ittica, noto per i suoi menù e per un talento del tutto fuori dal comune. E infine il giornalista, Luciano Ferraro, capo redattore centrale del Corriere della Sera e curatore del blog DiVini, autore di alcune guide alle enoteche d’Italia, parlerà di vino e Veneto. Tutto lo show avrà l’accompagnamento musicale della Contrada Lorì, una compagnia musicale nata dal profumo di

Massimo Bubola
Massimo Bubola, cantautore di culto e tra i più significativi d'Italia, è una figura centrale nella scena musicale del nostro paese. Negli oltre trent'anni della sua carriera, ha composto venti album e scritto più di 300 brani. Già alla fine degli anni '70 Bubola trasfonde nelle sue canzoni la potenza del linguaggio del rock, senza rinunciare a una poetica che si abbevera, oltre che alla poesia contemporanea, alla tradizione della musica popolare e della canzone d'autore italiana. Miscelando questi elementi arriva a maturare una formula musicale ricca di suggestioni letterarie che è stata definita dalla critica "rock d'autore". Non è un caso che gli unici album di folk-rock di Fabrizio De Andrè: "Rimini" e "L'indiano",derivino dal decisivo contributo creativo di Massimo Bubola al cantautore genovese, con cui, infatti, firma musica e testi di tutti i brani dei due album sopracitati. Ma il poeta e musicista veronese, continua a sviluppare un percorso personale che lo porterà alla creazione di un'epica musicale attraverso i sui ritratti in canzone di personaggi storici come Garibaldi, Camicie Rosse e Uruguay, Tina per la grande fotografa Tina Modotti, Dino Campana dedicata allo sfortunato poeta di Marradi e altri personaggi come sullo scrittore russo Dostoevskij in Dostoevskij, Annie Hannah su Anna Frank, Eurialo e Niso suoi due soldati dell'Eneide trasposti nella Resistenza, Fiume Sand Creek sull'epopea dei nativi americani, Una storia sbagliata sulla morte di Pier Paolo Pasolini e Don Raffaè di nuovo con Fabrizio sul rapporto tra Stato e Camorra, Son Passator Cortese sul mitico brigante romagnolo dell'800. Questa epopea rock, figlia delle tradizioni italiane, costituisce la spina dorsale della New Italian Epic di cui Massimo può definirsi a buon titolo il capostipite. Ha scritto inoltre molte canzoni portate al successo anche da varie interpreti, fra cui ricordiamo “Il cielo d'Irlanda”, resa popolare da Fiorella Mannoia.

Roberto Puliero
Roberto Puliero, attore e autore teatrale, satirico e umoristico, insegnante in pensione di Lettere (“specializzato in greco” sottolinea), giornalista, icona della veronesità - è un uomo che, per dirla alla Giorgio Gaber, “ha coniugato l'alto con il basso”, la cultura, l'insegnamento e il teatro con il calcio, contaminandosi con quello che gli intellettuali generalmente snobbano. Puliero, inoltre, è stato per i veronesi lo storico radiocronista del Verona dal 1977 al 2013 e poi nel 2015-16.

Damiano Tommasi
Damiano Tommasi è un dirigente sportivo ed ex calciatore italiano, presidente dell'Associazione Italiana Calciatori. Tommasi è stato uno dei centrocampisti di riferimento della Roma tra la fine degli anni novanta e l'inizio degli anni duemila. Con i giallorossi vinse uno scudetto e una Supercoppa Italiana. Conta 25 presenze e 1 gol con la Nazionale italiana, con cui ha partecipato al Campionato mondiale di calcio 2002, conclusosi per gli azzurri agli ottavi di finale. Da sempre impegnato e rinconosciuto per lealtà, correttezza, impegno sociale e lotta al doping. Nel 2001 ha ricevuto il premio nazionale "Altropallone" per il suo impegno sociale.el luglio 2015 viene inserito nella hall of fame dell'As Roma.  

Davide Rampello
Il professore, Davide Rampello è un regista televisivo e direttore artistico italiano.Ha iniziato la sua attività di regista televisivo a metà degli anni settanta a Telealtomilanese .A partire dalla fine degli anni settanta è alla regia di importanti programmi televisivi: prima in Rai e successivamente in Fininvest. Ha ricoperto la carica di direttore artistico di Canale 5 e di direttore della società Grandi Eventi, responsabile della comunicazione e della ricerca e sviluppo del Gruppo Fininvest. Dagli anni novanta è tornato all'originale passione per l'arte e la direzione artistica di spettacoli teatrali. Nei primi anni 2000 entra nel consiglio di amministrazione della Triennale di Milano e nel 2003 ne diventa presidente. Nel 2010 e nel 2012 è stato Direttore artistico di Florens (Biennale Internazionale dei Beni Culturali e Ambientali) nelle edizioni 2010 e 2012. Una settimana internazionale dedicata ai beni culturali e ambientali che affronta il tema “CULTURA, QUALITÀ DELLA VITA”, elaborato da una Direzione Culturale di docenti di chiara fama delle università di Firenze, Torino e Roma. Da ottobre 2010 è Direttore artistico del Carnevale di Venezia, di cui ha curato le edizioni dal 2011 al 2015. Dal 2012 per Expo Milano 2015 è curatore del Padiglione Zero e dal 2013 curatore del Palinsesto eventi. Da ottobre 2013 cura una rubrica per Striscia la notizia dal titolo "Paesi, paesaggi..." dedicata alle eccellenze paesaggistiche e alimentari dell'Italia.

Roberto Giacobbo
Roberto Giacobbo è un giornalista, conduttore televisivo, autore televisivo e scrittore italiano. È stato docente di Teoria e tecnica dei nuovi media alla Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Ferrara. Di origini venete, Giacobbo ha trascorso gli anni dell'infanzia e dell'adolescenza (dal 1961 al 1975) a Bassano del Grappa, città natale del padre. Inizia a lavorare come autore radiofonico nel 1984, per Radio Dimensione Suono (RDS).Negli anni Novanta si dedica alla televisione, firmando vari programmi come autore. Nel 1997 inizia ad occuparsi per la televisione di argomenti relativi al mistero, un genere che lo renderà negli anni successivi conosciuto al grande pubblico. In quell'anno, sempre come autore, scrive la nuova serie di Misteri per Rai 2, condotta da Lorenza Foschini. Nello stesso anno realizza Numero Zero (Rai 3), lo speciale Dario Fo - un giullare alla corte del Nobel (Rai 3). Nel 1998-1999 è autore e caporedattore del programma L'emozione della vita di Rete 4, in collaborazione con la BBC. Nella stagione 1999-2000 realizza La macchina del tempo, (Rete 4), condotto da Alessandro Cecchi Paone, vincitore nel 2000 del Telegatto e del Premio Oscar TV della Rai. Dal 20 maggio 2003 ritorna in Rai, come autore e conduttore di Voyager su Rai 2, trasmissione su fatti misteriosi, storici e archeologici.

Mauro Lorenzon
Direttamente da La Mascareta di Venezia, l’oste per eccellenza, Mauro Lorenzon è l’eclettico e pioniere in Italia ideatore della enoiteca, l’osteria ittica, noto per i suoi menù e per un talento del tutto fuori dal comune. “Alla Mascareta se entri da ateo del vino esci da credente” scrive Andrea Toniolo. “In pieno possesso di quella goliardia veneta che caratterizza la regione, Lorenzon scherza, canta, fa assaggiare i suoi vini, li spiega, passando da un tavolo all’altro come un vero oste deve fare. Il cibo è ottimo, il vino superlativo, ma ciò che ha lasciato tutti senza parole è l’ospitalità, quell’ospitalità data dalla passione per il proprio mestiere, per quello che, guardando Lorenzon, più che un lavoro sembra una vocazione. ”.Si considera “un missionario dell’accoglienza ed un putto baccante, mi stanno a cuore tutte le realtà enoiche, piccole e sperdute nello stivale, i vini da vitigni di un Bacco minore, artigiani del cibo che ti fanno ritrovare gusti perduti e ti riempiono il cuore di gioia e piacere!”  

Luciano Ferraro
Luciano Ferraro, classe 1959, capo redattore centrale del Corriere della Sera e curatore del blog DiVini. Da Veronelli, negli anni Ottanta, ha imparato che dietro a ogni vignaiolo c’è una storia da raccontare. Autore di alcune guide alle enoteche d’Italia, ai tempi in cui non esistevano i wine bar. Il Comitato Grandi Cru d’Italia lo ha premiato come miglior giornalista italiano, ha vinto il Premio Casato Prime Donne, il Premio 5 Stelle al giornalismo e il Premio Miglior Comunicatore del Vino Carpenè Malvolti. Nel 2015, con Wine Spectator, ha pubblicato la guida I migliori 100 vini d’Italia in occasione di OperaWine al Vinitaly e ha ricevuto il Premio Targa d’Oro di Assoenologi.  

Contrada Lorì
Musiche e canzoni popolari in dialetto veronese. La Contrada Lorì cerca di raccontare, attraverso favole e storie, l'appartenenza a un mondo che guarda all'avvenire, ma che ha un cuore antico. Tutto è iniziato nel 2012, in una nebbiosa giornata invernale, quando Roberto Rizzini, già autore, cantautore, musicoterapeuta, ma soprattutto co-proprietario di una rinomata osteria veronese, ha raccolto nella sua casa nell’ameno borgo di Avesa alcuni amici, come lui appassionati di cibo, di vino e di musica: un cuoco-filosofo contrabbassista, un medico violoncellista, un giurista cantante, un musicoltore mandolinista, un educatore fisarmonicista ed un giurista chitarrista. Da questa genuina unione di amanti del canto e del vino è iniziata un'avventura che ha attraversato tutte le piazze e le osterie di Verona e provincia, un progetto artistico libero e genuino in continua espansione.

Domenica 15 Aprile, ore 21:00
Piazza dei Signori